Tour de France | Storia e curiosità

Copertina articolo Tour de France: Storia e curiosità
Crediti foto: Max Pixel

Com’è nato il Tour de France?

Il Tour de France, o più semplicemente Le Tour, era ed è tuttora uno degli eventi sportivi più importanti dell’anno, ma non tutti conoscono le curiose origini di questa corsa a tappe famosa in tutto il mondo.

L’idea

L’arrivo del primo Tour de France nel 1903

L’idea di una corsa che si svolgesse in più giorni, prima nel suo genere, infatti, nacque nel 1903 per motivi che oggi potremmo definire di marketing aziendale: il neonato giornale “Auto-Vélo” voleva trovare un modo per battere le vendite del più giornale rivale, il più famoso “Le Vélo” e organizzare un evento mai visto sembrava un ottimo modo per farcela.

Il primo Tour fu organizzato su 5 tappe, dal 31 maggio al 5 luglio 1903, con partenza e arrivo a Parigi e tappe intermedie a Lione, Marsiglia, Bordeaux e Nantes. Tolosa fu aggiunta in seguito per interrompere la lunga traversata del sud della Francia, dal Mar Mediterraneo all’Oceano Atlantico.

Le tappe iniziavano durante la notte e terminavano il pomeriggio successivo, con giorni di riposo per permettere ai ciclisti di recuperare le energie. La durezza della corsa e i costi elevati per molti portarono a sole 15 iscrizioni e gli organizzatori furono tentati di abbandonare l’idea.

Dopo aver modificato le date e aver incrementato il montepremi per il vincitore, però, gli iscritti aumentarono considerevolmente, fino a raggiungere le 60-80 unità e a comprendere anche ciclisti non professionisti e perfino impiegati tentati dalla cifra elevata.

I dubbi e le aspettative

Henri Desgrange - Auto-Vélo -  L'Équipe
Henri Desgrange

Nonostante le grandi aspettative e l’impegno profuso nella realizzazione della corsa, Henri Desgrange, l’editore dell’ “Auto-Vélo”, decise di non dedicarle la prima pagina del suo giornale all’avvio, preferendo concentrarsi su un’altra competizione. Egli sapeva che la sua posizione professionale sarebbe dipesa dall’incremento delle vendite del giornale e che ciò sarebbe avvenuto solo se il Tour avesse avuto successo, ma sapeva anche che sia il giornale sia gli impiegati avrebbero perso molti soldi se ciò non fosse accaduto. Da qui la scelta di prendere le distanze e non dimostrare il suo totale appoggio ad una gara a tutti gli effetti sconosciuta.

Desgrange infatti preferì non dare il via alla corsa e non seguire i corridori.

La gara e il successo

Maurice Garin al Paris - Rubaix (1897)
Maurice Garin

Curiosamente, molti corridori parteciparono utilizzando nomi falsi o soltanto le proprie iniziali, una pratica che non era affatto inusuale all’epoca. Degli 84 partiti, soltanto 21 riuscirono a completare la corsa: tra loro anche una donna, soprannominata con il nome di Miss America.

Il vincitore fu il francese Maurice Garin, che riuscì ad aggiudicarsi ben tre delle sei tappe previste mangiandosi i 2428 km totali ad una velocità media di 25,6 km/h. Nonostante il suo primato, comunque, Garin non riuscì mai a riconfermarsi negli anni successivi.

 La vera vittoria, infine, fu di Henri Desgrange: la corsa attirò l’attenzione del pubblico e fu un vero successo, la sua reputazione fu salva e le vendite del giornale schizzarono da 25.000 a 65.000 copie.

Il tanto temuto rivale, il ”Vélo” fu invece costretto a dichiarare fallimento.

Stay updated
Receive the latest news about the world of cycling and our latest creations
By clicking submit you agree to our Privacy Policy
Info
Designed by MonkeyPix.org

We use cookies to provide you with the best experience on our website. You can find out more about which cookies we are using on our cookie policy page. More info

This site uses cookies to provide you with the best possible browsing experience. By continuing to use this site without changing your cookie settings or clicking on "Accept" you consent to their use.

Close